Archivio

Archivio per la categoria ‘benefit’

Appoggio agli anarchici bielorussi

17 Gennaio 2021 Commenti chiusi

Vi dico onestamente che non so una ceppa di anarchismo nelle aree ex URSS e nello specifico in Bielorussia, anzi, spesso ci sono state situazioni di movimento piuttosto ambigue che sono nate nel grembo delle terre eredi del “socialismo reale”, penso all’Ucraina ad esempio.

Ma vi condivido in ogni caso questo video, in spagnolo, dove sono presenti link e contatti per approfondire la situazione ed eventualmente supportare i compagni in carcere.

More Info Here and here

 

Campagna Grafica Antipoliziesca

16 Gennaio 2021 Commenti chiusi

TRADOTTO E RIPRESO DA QUA

CAMPAGNA GRAFICA “TUTTI ODIANO LA POLIZIA

La data limite di consegna è il 14 febbraio 2021

Dalla penisola isterica fino agli angoli più sperduti di qualsiasi continente, in tutte le lingue che esistono, con tutte le espressioni di rabbia e odio che hanno accompagnato questi gesti, lo sappiamo, TUTTI ODIANO LA POLIZIA. Nonostante le campagne pubblicitarie nella metro, le serie che ci vendono nelle piattaforme virtuali e le persone che ci tormentano con il loro insulso e codardo cittadinismo, sappiamo che gli sbirri non sono nostri amici. Mai lo sono stati e mai lo saranno. Ed ogni giorno che passa, con ogni nuovo colpo che tenta di distruggerci e con tutto lo sforzo che implica reggere le botte e mantenersi fortx, continuiamo a ripetere lo stesso ritornello: vi odiamo. E partendo da questa rabbia che affonda le sue radici in ogni storia individuale o collettiva che abbiamo vissuto, che vi invitiamo a partecipare a questa campagna grafica, il cui contenuto è proprio il nostro disprezzo per quelli che qualcuno chiamo forze dell’ordine.

Le basi della convocazione sono:

  • Disegni liberi con il tema centrale del nostro odio verso la polizia. Non accetteremo lavori con contenuti oppressori (razzisti, machisti, transofobi, omofobi, specisti), né che evidenzino vincoli con partiti politici, sindacati o istituzioni.
  • I disegni potranno essere in bianco e nero o a colori.
  • Liberate la vostra immaginazione.
  • Immagini con la misura10.5cm×14.8cm
  • Risoluzione minima 300dpis

I lavori andranno inviati alla mail: quemandoarcas@riseup.net Se vuoi partecipare o hai qualche dubbio o qualcosa da commentare, scrivici.

Tutti i lavori saranno pubblicati sulla pagina www.quemandoarcas.noblogs.org per renderli accessibili e scaricabili e farne l’uso che si ritiene più opportuno.

Noi abbiamo intenzione di farne copie in solidarietà con le persone coinvolte nell’Operazione Arca.

Anarchici in carcere (in Italia) e indirizzi per scrivergli

14 Gennaio 2021 Commenti chiusi

Riprendo da Malacoda

ITALIA

Davide Delogu

Davide Delogu
C. C. di Caltagirone
Contrada Noce, S. Nicola Agrò
95041 Caltagirone (Ct)

Davide Delogu è un anarchico sardo condannato per alcune rapine e furti. Il 1 maggio 2017 ha tentato di evadere dal carcere di Brucoli (ad Augusta, in Sicilia), quasi riuscendovi. Il compagno è deportato dalla Sardegna e in anni recenti è stato rinchiuso nelle carceri di Brucoli (Augusta), Rossano Calabro, Palermo Pagliarelli, fino al recente trasferimento a Caltagirone.


Operazione Scripta Manent

Anna Beniamino
C. C. «Gazzi» femminile
via Consolare Valeria 2
98124 Messina

Alfredo Cospito
C. C. di Ferrara
via Arginone 327
44122 Ferrara

Il 6 settembre 2016 sono stati arrestati cinque anarchici nell’ambito dell’operazione «Scripta Manent». Per altri due compagni già prigionieri (Alfredo e Nicola) viene imposta una nuova carcerazione e contestualmente agli arresti avvengono 32 perquisizioni domiciliari contro una trentina di anarchici. Nel corso di una di queste un altro compagno viene arrestato con l’accusa di possesso di materiali adatti alla realizzazione di ordigni, e scarcerato alcuni mesi dopo. Le principali accuse sono: di aver costituito o partecipato ad una «associazione sovversiva con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico», in riferimento alla FAI (Federazione Anarchica Informale) e successivamente alla FAI–FRI (Federazione Anarchica Informale – Fronte Rivoluzionario Internazionale); solo per alcuni compagni, di «attentato con finalità di terrorismo», «atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi», «strage» e «possesso e trasporto di esplosivi» in riferimento a 11 azioni realizzate tramite pacchi-bomba e ordigni esplosivi tra il 2005 e il 2007, tranne una avvenuta nel 2016 (l’attacco al tribunale di Civitavecchia); sempre solo per alcuni compagni, di «istigazione a delinquere» con l’aggravante della finalità terroristica in riferimento alla pubblicazione dell’ultima edizione di “Croce Nera Anarchica” (quattro numeri tra il 2014 e il 2017) e per la gestione di alcuni siti internet.

Una consistente parte dell’operazione «Ardire» (giugno 2012), che comportò l’arresto di otto compagni, la custodia cautelare per altri due compagni all’epoca già prigionieri e innumerevoli perquisizioni, è confluita in Scripta Manent. Allo stesso modo, sono confluite in Scripta Manent innumereovoli indagini inerenti la FAI, alcune delle quali precedentemente archiviate e riaperte per l’occasione. Buona parte delle accuse riguardanti le azioni sono legate al raffronto, tramite perizie richieste dall’accusa, tra le rivendicazioni e lo stile scrittorio di alcuni imputati, per i quali, appunto tramite queste perizie, l’accusa avrebbe dimostrato la pertinenza alla FAI–FRI. Invece, per quanto riguarda l’attacco alla sede del RIS di Parma nel 2005, si aggiunge anche una contraddittoria traccia di DNA che è stata attribuita ad Alfredo (e che in passato, negli arresti richiesti per la cosiddetta operazione «Replay», era stata giudicata troppo frammentaria per essere considerata come prova effettiva).

Nei primi giorni di giugno 2017 è stata notificata un’altra indagine ad altri sette compagni anarchici, successivamente accorpata a Scripta Manent (i cui indagati quindi sono saliti a 23 persone). Il processo, iniziato il 5 giugno 2017 nell’aula bunker del tribunale di Torino presso il carcere de Le Vallette, ha come pubblico ministero Roberto Sparagna. Ad alcuni compagni è stata imposta la videoconferenza dal carcere, quindi l’impossibilità di essere presenti nell’aula di tribunale durante le udienze.

A partire dal mese di febbraio 2019 il p. m. ha esposto la sua requisitoria e in seguito le proprie richieste di condanna (poco più di 200 anni per 23 persone complessivamente, con pene massime tra i 29 e i 30 anni). Il 24 aprile, a seguito delle decisioni dei giudici, è stata emessa la sentenza di primo grado da parte del tribunale di Torino, che ha condannato cinque compagni: Anna a 17 anni, Marco a 5, Alfredo a 20, Nicola a 9, Alessandro a 5. Questi cinque compagni sono quindi stati riconosciuti come promotori o partecipi in una «associazione sovversiva con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico», mentre i soli Anna e Alfredo sono stati condannati per sette attacchi esplosivi rivendicati FAI tra il 2005 e il 2007; Alfredo per tutte sette le azioni, mentre Anna per tutte tranne le due risalenti al 2005. Sono stati assolti da ogni accusa i restanti 18 compagni imputati (specificatamente, anche i compagni condannati sono tutti stati assolti per l’articolo 414 c. p., «istigazione a delinquere»). In particolare, tra i compagni assolti da ogni accusa a seguito della sentenza di primo grado, Danilo in carcere nella sezione AS2 a Ferrara e Valentina costretta agli arresti domiciliari (precedentemente anch’essa in carcere, prima a Latina poi a Roma Rebibbia femminile) sono stati scarcerati dopo poco più di due anni e mezzo in custodia cautelare.

Il 1 luglio 2020 è iniziato il processo d’appello. Essendo definitivamente entrata in vigore la normativa riguardo la videoconferenza, nessun compagno attualmente in carcere potrà essere presente in aula fisicamente.

Nel mese di agosto 2020 Anna è stata trasferita nel carcere di Roma Rebibbia femminile.

Il 24 novembre 2020 è stata emessa la sentenza del processo d’appello: Anna è stata condannata a 16 anni e 6 mesi, Alfredo a 20 (come in primo grado) in continuazione con la sentenza del processo per l’azione contro Adinolfi (se confermata anche con la sentenza di cassazione, la condanna avuta nel processo per l’azione contro Adinolfi andrà ricalcolata in continuazione con la sentenza di Scripta Manent), Nicola a 1 anno e 1 mese in continuazione con la sentenza del processo per l’azione contro Adinolfi, Alessandro è stato assolto, Marco è stato assolto dall’accusa di «associazione sovversiva con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico» ma condannato a 1 anno e 9 mesi per «istigazione a delinquere» in relazione a “Croce Nera Anarchica” (per questa accusa sono stati condannati anche Anna, Alfredo e Nicola). Oltre a ciò si sono avute ulteriori nove condanne ad altrettanti compagni per «istigazione a delinquere», tutte tra i 2 anni e 6 mesi e 1 anno e 6 mesi. Nicola, Alessandro e Marco sono stati scarcerati.

Il 13 gennaio 2021 Anna è stata trasferita nel carcere di Messina, dove era reclusa fino ad agosto 2020.

Alfredo e Nicola si trovavano già in carcere a seguito delle condanne (rispettivamente, a circa 9 e 8 anni ciascuno) nel processo dove erano accusati dell’azione di ferimento contro Roberto Adinolfi, amministratore delegato di Ansaldo Nucleare (Genova, 7 maggio 2012), azione rivendicata dal Nucleo Olga / FAI–FRI. Nel 2013, durante il processo, entrambi hanno rivendicato individualmente la realizzazione dell’azione.


Maddalena Calore

Maddalena Calore
C. C. “Ettore Scalas” — Uta
zona industriale Macchiareddu
2° strada ovest Uta (SP1)
09010 Uta (Ca)

Anarchica arrestata nel marzo 2017 a Cagliari per un residuo di pena di 4 anni e 3 mesi dovuto a precedenti condanne.


Operazione Panico

Il 3 agosto 2017 nel contesto di una operazione repressiva contro gli anarchici a Firenze, è stata sgomberata l’occupazione anarchica La Riottosa e sono stati arrestati otto anarchici, accusati di aver compiuto un attacco esplosivo contro la libreria «Il Bargello» (Firenze, 1 gennaio 2017), uno spazio legato a fascisti e al partito Casapound, e un attacco incendiario contro una caserma dei carabinieri nel quartiere di Rovezzano (Firenze, 21 aprile 2016). Durante lo scoppio dell’ordigno contro «Il Bargello» rimase gravemente ferito un poliziotto artificiere, che ha perso parte di una mano e un occhio. Tra le innumerevoli accuse, ci sono quelle di tentato omicidio e associazione a delinquere. Quest’ultima imputazione si lega alla cosiddetta operazione «Panico» (dal nome di un’altra occupazione anarchica fiorentina) che comportò delle perquisizioni e tre arresti il 31 gennaio 2017 e che è stata accorpata all’indagine scaturita negli arresti del 3 agosto.

Tranne Ghespe, tutti gli altri compagni sono stati successivamente scarcerati, alcuni dei quali dopo pochi giorni l’operazione repressiva. Tra marzo e aprile 2018 Giovanni e Paska sono stati nuovamente arrestati a seguito di una decisione della cassazione. Un altro compagno, anch’esso arrestato ad agosto 2017, è destinatario di altre misure restrittive. Nel mese di giugno 2019 Giovanni e Paska sono stati trasferiti agli arresti domiciliari. Il 21 giugno è stato trasferito agli arresti domiciliari anche Ghespe.

Il 22 luglio 2019 è stata emessa la sentenza nel processo di primo grado: una ventina di persone sono state condannate, tra cui Giovanni, Paska e Ghespe a pene tra i 9 anni e i 9 anni e 10 mesi circa (principalmente per le accuse inerenti l’azione del 1 gennaio 2017). Tra gli altri condannati, nove sono stati riconosciuti come partecipanti ad una associazione a delinquere e, tra questi, due compagne ritenute «cape» di tale associazione sono state condannate a pene tra i 5 e i 6 anni circa. Un compagno, anch’esso condannato per associazione a delinquere, è stato assolto dall’accusa di aver compiuto l’azione del 1 gennaio 2017. Tutte le condanne – eccetto quelle di Giovanni, Paska e Ghespe – sono sospese.


Paolo Todde

Paolo Todde
C. C. “Ettore Scalas” — Uta
zona industriale Macchiareddu
2° strada ovest Uta (SP1)
09010 Uta (Ca)

Anarchico sardo e indipendentista arrestato il 31 ottobre 2017 a seguito di una rapina a mano armata in un ufficio postale di Cagliari. Al termine del processo di primo grado è stato condannato a 6 anni di carcere.


Mauro Rossetti Busa

Mauro Rossetti Busa
C. C. di Agrigento
piazza Di Lorenzo 1
92100 Agrigento

Mauro Rosetti Busa è stato arrestato il 2 febbraio 2018 a Lucca, accusato di due attacchi incendiari avvenuti nella città lo stesso giorno, uno contro un distributore Eni e l’altro contro una sede di Casapound. A dicembre 2019 è stato condannato a 12 anni.


Operazione Ardesia

Leonardo Landi
C. C. di Sollicciano
via Girolamo Minervini 2r
50142 Firenze

L’anarchico Leonardo Landi è stato arrestato il 26 febbraio 2019 a seguito di una sentenza di cassazione relativa ad processo per una rapina avvenuta nel 2007, per cui alcuni anarchici vennero arrestati e indagati nel contesto dell’operazione «Ardesia». È stato condannato ad un residuo di pena di 2 anni e 8 mesi. Gli altri imputati condannati hanno scontato la sentenza.

Il 2 dicembre 2020 è stato trasferito dal carcere di Vibo Valentia a quello di Sollicciano a Firenze.


Operazione Prometeo

Giuseppe Bruna
C. C. di Pavia
via Vigentina 85
27100 Pavia

Natascia Savio
C. C. di Piacenza “San Lazzaro”
strada delle Novate 65
29122 Piacenza

Il 21 maggio 2019 sono stati arrestati tre anarchici nel contesto dell’operazione «Prometeo», eseguita dai carabinieri del ROS. Sono state fatte anche alcune perquisizioni. L’accusa principale è di «attentato con finalità di terrorismo o di eversione», poiché ritenuti responsabili dell’invio di tre pacchi-bomba arrivati nel giugno 2017 ai p. m. Rinaudo, pubblico ministero in parecchi processi contro il movimento antagonista e gli anarchici, e Sparagna, pubblico ministero nel processo per l’operazione Scripta Manent, e a Santi Consolo, all’epoca direttore del DAP, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, di Roma. Non sono accusati di alcun reato «associativo». Tra luglio e agosto 2019, a più riprese, con l’intenzione di aggravarne l’isolamento, sono stati trasferiti nelle carceri di Alessandria, L’Aquila, Terni, Sassari, Rossano Calabro, Piacenza e Pavia. Un compagno è stato scarcerato nel dicembre 2019. Il 22 giugno 2020, dopo più di un anno di custodia cutelare per Beppe e Natascia, c’è stata l’udienza preliminare per il processo.

Il 17 dicembre 2019 è arrivata a Beppe un’altra custodia cautelare, sempre eseguita dal ROS. È accusato di aver posizionato un ordigno incendiario contro un postamat presso un ufficio postale (Genova, 8 giugno 2016). In quel periodo le Poste sono state attaccate ripetutamente a causa della collaborazione nell’espulsione e deportazione dei migranti attraverso la compagnia aerea Mistral Air (controllata dalle Poste).


Anarchici arrestati il 22 maggio 2019

Juan Antonio Sorroche Fernandez
C. C. di Terni
strada delle Campore 32
05100 Terni

Il 22 maggio 2019 sono stati arrestati gli anarchici Juan e Manuel. Il primo compagno era latitante da circa due anni per alcune condanne definitive. Sono state perquisite due abitazioni in provincia di Brescia e due abitazioni di genitori di un compagno e una compagna nell’hinterland bresciano. Manuel, inizialmente fermato e il cui arresto è stato poi convalidato, è accusato di «favoreggiamento personale», con l’aggravante di «favoreggiamento alla sottrazione dell’esecuzione della pena» (in riferimento alla latitanza di Juan). Nei giorni seguenti sono avvenute altre perquisizioni presso le stesse abitazioni già visitate. Juan è stato arrestato anche per un mandato di cattura per delle accuse («strage» e «attentato con finalità di terrorismo») inerenti un attacco esplosivo contro una sede della Lega Nord (Treviso, 12 agosto 2018).

Il 22 novembre 2019 Manuel è stato condannato a 3 anni e 2 mesi. Dal 5 marzo 2020 è stato posto agli arresti domiciliari con tutte le restrizioni, per poi essere scarcerato a luglio a seguito della sentenza d’appello, con cui è stato condannato a 10 mesi con la sospensione condizionale della pena.


Operazione Scintilla

Carla Tubeuf
C. C. di Vigevano
via Gravellona 240
27029 Vigevano (Pv)

Per riflessioni e maggiori informazioni sull’operazione “Scintilla”: Inseguendo la chimera.

Il 26 novembre 2019 è stato arrestato nei pressi di Verona l’anarchico Peppe. L’accusa principale è di «fabbricazione, detenzione e trasporto di materiale esplosivo», per l’invio, nel 2016, di un plico esplosivo alla Ladisa, l’azienda che allora gestiva la mensa nel CPR di Torino. Un episodio già contestato, insieme ad altri, agli arrestati del 7 febbraio 2019 all’interno dell’operazione «Scintilla» (una nota della questura torinese ha definito l’arresto come un’estensione di questa operazione). Il 17 giugno 2020 si è tenuta l’udienza di cassazione che ha accolto il ricorso e ha declassificato il reato in quanto il materiale non è stato considerato esplosivo ma pirotecnico. Giovedì 9 luglio c’è stata l’udienza di riesame e il giorno seguente Peppe è uscito dal carcere, senza ulteriori restrizioni.

Il 23 luglio 2020, in Francia, è stata arrestata Carla, anarchica latitante dal 7 febbraio 2019 in quanto destinataria di un mandato d’arresto nell’ambito dell’operazione «Scintilla». Nel mese di agosto è stata estradata in Italia.


Operazione Bialystok

Nico Aurigemma
C. C. di Terni
strada delle Campore 32
05100 Terni

Francesca Cerrone
C. C. di Latina
via Aspromonte 100
04100 Latina

Roberto Cropo
C. R. “S. Michele” — Alessandria
strada statale per Casale 50/A
15121 Alessandria

Flavia Digiannantonio
C. C. di Roma Rebibbia femminile
via Bartolo Longo 92
00156 Roma

Claudio Zaccone
C. C. di Siracusa
strada Monasteri 20/C
Contrada Cavadonna
96014 Floridia (Sr)

(Si consiglia l’invio di posta a Claudio attraverso «posta 1»).

In seguito ad una indagine partita dalla procura di Roma e denominata operazione «Bialystok», il 12 giugno 2020 sette anarchici sono stati arrestati in Italia, Spagna e Francia, il Bencivenga Occupato a Roma e alcune abitazioni sono state perquisite. Due persone sono state poste agli arresti domiciliari, mentre per altre cinque è stata disposta la detenzione in carcere. I cinque agli arresti in carcere sono accusati di «associazione sovversiva con finalità di terrorismo ed eversione», «istigazione a delinquere» e altri reati (tutti aggravati dalla «finalità di terrorismo») inerenti alcune iniziative in solidarietà con gli imputati del processo «Panico» a Firenze, dei presidi sotto le mura di diverse carceri e l’organizzazione di alcuni dibattiti, assemblee e concerti benefit presso il Bencivenga Occupato a Roma e in altri spazi. Per quanto riguarda le azioni specifiche, una persona tra le cinque in carcere è accusata di aver preso parte a un’attacco esplosivo contro la caserma dei carabinieri nel quartiere San Giovanni, azione rivendicata dalla Cellula “Santiago Maldonado” / FAI–FRI (Roma, 7 dicembre 2017), e un compagno agli arresti domiciliari è accusato di un attacco incendiario contro tre automobili Enjoy, il servizio di carsharing legato a ENI (Roma, 28 febbraio 2019). L’altro compagno agli arresti domiciliari, imputato anche nel processo «Panico», è stato scarcerato su disposizione del tribunale del riesame.

Nel mese di luglio Francesca è stata estradata dalla Spagna e trasferita in Italia, nel carcere di Latina. Il 28 dello stesso mese Roberto è stato trasferito dalla Francia in Italia, nel carcere di Rebibbia, a Roma, per poi essere trasferito ad Alessandria ad agosto. Prosegui la lettura…

Iniziative Internazionali

14 Febbraio 2019 Commenti chiusi

Questo post é indirizzatx a tuttx quellx lontanx dal territorio italiota.

Non conosco nel dettaglio le iniziative pubblicate, né chi le organizza ma se mi trovassi in uno di stí posti CI ANDASSI sicuramente a buttare un occhio! Approfitto per dire che non è mia intenzione appesantire ulteriormente la pagina con pubblicazioni rispetto: concerti, benefit, presidi, chiamate internazionali ed altre cose di questo tipo, un pó perché mi interessa poco (a parte casi speciali), un pó perché già esistono diverse pagine che lo fanno da tempo e sono molto più conosciute di questa, appena iniziata. Poi in ogni caso c’é FaceBook, quindi state pure tranquillx… Prosegui la lettura…

Russia: Un’altra ondata di arresti e torture contro gli anarchici.

12 Febbraio 2019 Commenti chiusi
 
Immagine correlata

 

Il 1° febbraio 2019, gli agenti del Servizio Federale di Sicurezza, l’organo di sicurezza dello Stato russo erede del KGB[1], hanno arrestato una decina di persone nell’ultima ondata della loro campagna repressiva condotta contro gli anarchici di tutto il paese.

Dopo una brutale tortura durante le seguenti 24 ore con lo scopo di costringerli ad auto-incolparsi, hanno rilasciato 11 di loro. L’ultima persona, Azat Miftakhov, attualmente scomparso (all’interno del sistema giudiziario), mentre il FSB aveva continuato a torturarlo, negandogli la visita dell’avvocato.

Questo è solo l’ultimo di una serie di casi nei quali il FSB ha utilizzato la tortura per forzare gli arrestati a rilasciare confessioni false, con l’intenzione di fabbricare “cospirazioni terroriste” per reprimere l’attivismo anche in altri paesi.

Prosegui la lettura…

Arresti e Feriti nel corteo del 9 febbraio

11 Febbraio 2019 Commenti chiusi

Dopo lo sgombero dell’Asilo Occupato di Torino del 7 gennaio, riprendo un aggiornamento di Radio BlackOut, per fare il punto sulle ennesime conseguenze di questa ondata repressiva. Invito chi volesse restare informato sugli sviluppi, a seguire la pagina della storica radio libera torinese, visto che i/le compagnx hanno notizie “di prima mano”.

Dei 10 fermi e 4 feriti, di cui uno in codice rosso, al corteo di ieri, sono stati confermati 8 arresti, tutti portati alle Vallette, che attualmente sono con l’avvocato.

Nessuno dei feriti segnalati ieri risulta grave, nessun codice rosso.

I due fermati in corso Palermo del 7 febbraio sono stati rilasciati oggi.

Rimane ancora in stato di fermo il ragazzo fermato per le contestazioni universitarie in via Rossini.

Rimanete collegati su Radio Blackout per ulteriori aggiornamenti.

Solidarietà a tutti gli arrestati! Tutt* liber*

La lista degli arrestati

Per l’operazione Scintilla:
Rizzo Antonio – Salvato Lorenzo – Ruggeri Silvia – Volpacchio Giada – Blasi Niccolò – De Salvatore Giuseppe.
Arrestato giovedì dopo le dimostrazioni di solidarietà: Francesco Ricco.
Per il corteo di ieri: Antonello Italiano – Irene Livolsi – Giulia Gatta – Giulia Travain – Fulvio Erasmo – Caterina Sessa – Martina Sacchetti – Carlo Mauro .
Per il corteo di ieri, dopo essere stato all’ospedale, è in arresto anche Andrea Giuliano.
Per ora si trovano tutti nel carcere torinese, C.C. Lorusso e Cutugno via Maria Adelaide Aglietta, 35, 10149 Torino TO.
Tutti riportano contusioni inferte dalla polizia durante il fermo.

Gabriele Baima, in carcere da giovedì per la manifestazione davanti a Palazzo nuovo, è stato rilasciato con un divieto di dimora a Torino.
—————————————————————————–
Gli arrestati sono tanti, alcuni con accuse gravi che li costringeranno alla detenzione per lungo tempo. Chiediamo a tutti i solidali un benefit per sostenerli al conto intestato a Giulia Merlini e Pisano Marco IBAN IT61Y0347501605CC0011856712 ABI 03475 CAB 01605 BIC INGBITD1

 

Esto tiene buena pinta

8 Febbraio 2019 Commenti chiusi

https://roundrobin.info/wp-content/uploads/2019/02/bannerHHwhite.jpg