Archivio

Archivio per la categoria ‘documentario’

Elio Veltri racconta la storia di Bruno Fuduli

16 Marzo 2019 Commenti chiusi

https://archive.org/details/ElioVeltriRaccontaLaStoriaDiBrunoFuduli

Elio Vetri (http://it.wikipedia.org/wiki/Elio_Veltri) racconta la storia di Bruno Fuduli, forse primo broker della cocaina della ‘ndrangheta, una figura a meta’ tra un ministro degli esteri ed un manager di azienda.
Il racconto di Veltri è¨ stato raccolto da Claudio Metallo, alla presentazione del libro Mafia Pulita, scritto dallo steso Veltri e da Antonio Laudati. L’incontro è stato organizzato ad Amantea, da Rosanna Grisolia direttrice del mensile Cultura Calabrese.

Run time 6 minutes 40 seconds
Producer Claudio Metallo
Audio/Visual sound

Documentario, 2008: Effetti collaterali del “treno ad alta velocità “.

7 Febbraio 2019 Commenti chiusi

Una video-inchiesta sull’impatto della TAV lungo la penisola italiana. Lo scenario che si dipana analizzando l’impatto che questa “Grande Opera” esercita sui territori che attraversa – in termini ambientali, sociali ed economico/finanziari – é sorprendente.
Altrettanto sorprendenti ed esemplari le proteste delle popolazioni che quell’impatto, inevitabilmente, subiscono. “Fratelli di Tav” combina il racconto di queste lotte ad una spinosa inchiesta sui rapporti tra criminalità organizzata, imprese e corruzione politica – rapporti anch’essi ad “Alta Velocità ” – intercorsi nella realizzazione della Tav.
Un’analisi scomoda che svela quali inquietanti dettagli siano sepolti tra cemento e binari sotto ogni tratto della ferrovia che, lentamente ed a costi esorbitanti, viene portato a termine.

Un documentario di Manolo Luppichini e Claudio Metallo
(hanno collaborato: Mario D’Ambrosio, Nicola Angrisano, Jacopo Mariani e Miko Meloni)
http://www.fratelliditav.noblogs.org

Colpo al cuore. Morte non accidentale di un monarca

2 Febbraio 2019 Commenti chiusi

bresci

COLPO AL CUORE. Morte non accidentale di un monarca è un documentario storico diverso dal solito.

Le interviste e le analisi che attraversano il film hanno due differenti direzioni. La prima è ripercorrere la vita di Gaetano Bresci e il regicidio di Umberto I, con la chiara volontà di raccontare il personaggio, praticamente dimenticato dai libri di storia, ed analizzare un contesto difficile che l’Italia ha vissuto come quello dell’epoca umbertina. L’altra è l’analisi politica del gesto: la volontà di riscatto, l’azione individuale al di là della propaganda del fatto, l’impossibilità di restare inermi di fronte a delle atroci ingiustizie.

Un gesto contestualizzabile anche ai giorni nostri, al di là dei sovrani e dei potenti. Un gesto vivo in chiunque abbia, come Bresci, la forza rivoluzionaria di dire basta ed abbattere il simbolo…

Parole di Gaetano Bresci subito dopo l’arresto: « Ho attentato al Capo dello Stato perché è responsabile di tutte le vittime pallide e sanguinanti del sistema che lui rappresenta e fa difendere. Concepii tale disegnamento dopo le sanguinose repressioni avvenute in Sicilia in seguito agli stati d’assedio emanati per decreto reale. E dopo avvenute le altre repressioni del ‘98 ancora più numerose e più barbare, sempre in seguito agli stati d’assedio emanati con decreto reale. »